WWW.RIVISTASTUDIO.COM

SIAMO ONLINE COL SITO!
DA QUALCHE MINUTO CI TROVATE DEFINITIVAMENTE QUI:

WWW.RIVISTASTUDIO.COM

A PRESTO

Posted in Uncategorized | Leave a comment

CI SIAMO!!!

Di Redazione

Ok, eccoci finalmente. Trasloco quasi ultimato.
Da lunedì 11 aprile, infatti, iniziamo gradualmente a spostarci finalmente al seguente indirizzo:
http://www.rivistastudio.com
Come si dice in questi casi, seguiteci numerosi.

Posted in Uncategorized | Leave a comment

41.912432,12.525966 – Armando Iannucci

di Francesco Pacifico

Uomo autoinchiodato all’armadio tramite il palmo della mano al minuto 0,22 del terzo episodio dell’Armando Iannucci Show.

Il nome è italiano, il padre è un pizzaiolo napoletano, ma purtroppo Iannucci lavora con la lingua inglese e lo humour britannico, è di Glasgow, ha la madre scozzese, e per frustrazione dirò che è il più grande comico italiano vivente e che se fosse davvero italiano probabilmente il suo humour sarebbe diverso ma soprattutto non avrebbe mai potuto sviluppare il suo talento perché negli ultimi vent’anni oltre i casi isolati non abbiamo avuto una vera scuola comica o un vero gusto che permettesse di sviluppare il talento.

Continue reading

Posted in Cinema&TV | Leave a comment

Unforgiven – Gene Anthony Ray

di Federico Bernocchi

Over The Top: Gene Anthony Ray nasce ad Harlem il 24 maggio del 1962. Di famiglia non particolarmente agiata, passa gran parte della propria infanzia e adolescenza in strada. Ed è proprio qui che impara i rudimenti del ballo. Dotato di un evidente talento innato, si iscrive alla famosissima High School of Performing Arts di New York, una vera e propria fucina di talenti. Il ragazzo però è un ribelle: non riesce a sopportare la rigida disciplina scolastica e dopo solo un anno abbandona la scuola. A quindici anni si iscrive a un altro istituto, la Julia Richman High School. Qui, appena maggiorenne, incontra Louis Falco, famoso coreografo che sta scegliendo gli attori per il film di Alan Parker Fame, da noi conosciuto con il titolo di Saranno Famosi. Il film racconta la vita di alcuni giovani aspiranti musicisti che si fanno le ossa proprio alla High School Performing Arts, quella da lui abbandonata qualche anno prima. Gene Anthony Ray ottiene la parte di Leroy Johnson, un personaggio con cui condivide molti tratti: entrambi talentuosi ma incontenibili, forse fin troppo esuberanti. Il film ha un incredibile successo, tanto da diventare una serie televisiva che la MGM Television manda in onda dal 1982 al 1987. Leroy è uno dei personaggi più amati dal pubblico e Gene Anthony Ray diventa un attore ballerino richiestissimo.

Continue reading

Posted in Cinema&TV | Tagged | 1 Comment

Work in progress

di Redazione

Come potete dedurre dalla bassa frequenza con cui stiamo postando contenuti e rubriche, siamo abbastanza impegnati col mettere a punto il sito vero e proprio di Studio. Mancano davvero pochi giorni all’arrivo di rivistastudio.com, e contemporaneamente siamo al lavoro sul numero 2 cartaceo. Ah, il numero 1 è in edicola. Ma questo lo sapete già. Ai prossimi giorni.

Posted in Media&Innovazione | Leave a comment

La partita dell’anno: bentornato, Calcio

di Davide Coppo

Era il 2006. C’era quella cosa chiamata Calciopoli, squadre penalizzate, squadre mandate in serie B, poi la vittoria della Coppa del mondo che aveva fatto dimenticare almeno per un po’ le disgrazie del nostro calcio. Senza voler polemizzare, il risultato più lampante e sotto gli occhi di tutti del processo a Moggi e compagnia è stato l’azzeramento di buona parte della concorrenza all’Internazionale FC. Che infatti, dal 2006 al 2010, ha vinto tutto. Più uno scudetto regalato.

Continue reading

Posted in Politica&Società | 1 Comment

41.912432,12.525966 – Ciarrapico

di Francesco Pacifico

Il senatore Ciarrapico racconta di come ha comprato una clinica al minuto 5,50 di “La Convenzione”, di Alberto Nerazzini, un servizio andato in onda su Report, Rai Tre.

Come si fa un pezzo non noioso di giornalismo investigativo sulla sanità italiana. Innanzitutto, amare i personaggi.

Ecco come Alberto Nerazzini, per Report di Rai Tre, affronta la materia: incontra da Rosati a Piazza del Popolo Giuseppe Ciarrapico, imprenditore e senatore PdL, plurinquisito e pluricondannato, uno degli uomini chiave della sanità privata italiana. Stile Dolce Vita, Ciarrapico, che è proprietario del ristorante, con gran cortesia e diplomazia (dove altri invece hanno rifiutato un incontro col giornalista), riceve Nerazzini dopo pranzo, disposto a raccontare. Il senatore, un romano con l’accento forte e strisciatissimo, è inquadrato con telecamera posata sul tavolo mentre si pulisce prima le labbra, poi il naso, in quel modo che indica che si è mangiato bene. L’audio è da film di Cronenberg: si sente tutto il miscuglio postprandiale di saliva, pancia piena, un po’ di catarro nelle vie respiratorie, espirato dalle narici, il principio della digestione affrontata con una camicia di sartoria e i polsi a contatto con le briciole su una buona tovaglia. Ciarrapico ha la faccia piena, bella camicia azzurrina, giacca grigia, cravatta col nodo giusto, né stretta né larga. Ristorante vuoto.

Continue reading

Posted in Politica&Società | 1 Comment