Espellere atleti per “sesso pre-matrimoniale” e altre assurdità dei college americani ultra-conservatori

di Anna Momigliano
Era solo questione di tempo, tutti si aspettavano che prima o poi sarebbe successo. Le autorità dell’università mormone Brigham Young hanno espulso uno studente dalla squadra di basket perché avrebbe violato “il codice d’onore” dell’ateneo. Il poveraccio si chiama Brandon Davies, l’accusa è, non stiamo scherzando, “sesso pre-matrimoniale.” A proposito, grazie Feministing (se è il sito preferito di Violetta Bellocchio un motivo ci sarà) per la segnalazione
Ora, qui bisogna fare una piccola precisazione: molti atenei americani, e ancora più spesso i college di piccole dimensioni che tendono a valorizzare molto la dimensione di “comunità” del campus, richiedono agli studenti di rispettare dei codici d’onore che vanno al di là dei meri aspetti accademici. E non è detto che si tratti per forza di regole bacchettone.

Per esempio un piccolo college che mi è capitato di frequentare aveva all’interno del suo honor code un articolo molto interessante. Che (recito a memoria, visto che il foglietto l’avrò perso dieci anni fa) diceva più o meno così:

Evitare di parlare alle spalle dei propri vicini di stanza, se ci sono dei problemi anziché andare a piagnucolare con terzi, affrontateli direttamente con loro.

Bene, bravi, così si insegna a essere uomini. O, meglio, a essere donne, visto che era un college femminile. Meglio fare a botte che le pettegole.

Poi c’è tutta una categoria di college ultra-conservatori, prevalentemente, ma non solo, cristiani, che hanno dei codici d’onore un tantino all’antica, specie in materia di libertà sessuale (vedi il caso della Brigham Young U). O addirittura di regole per l’abbigliamento. Il mio preferito è quello della Bob Jones, forse l’università più conservatrice degli States (il che è tutto dire), semi-nota al pubblico italiano, o almeno ai fan dei fratelli Coen, perché la vecchietta protagonista di Ladykillers, una nonnetta di colore assai religiosa, faceva donazioni annuali a favore dell’ateneo. Praise the Lord!

Ebbene, la Bob Jones è estremamente precisa quando si tratta di dare indicazioni sul vestiario ai propri studenti. Al punto da fornire direttive precise sull’abbigliamento da tenere durante le lezioni, nel tempo libero on campus, e nel tempo libero off-campus. Nei giorni settimanali e di domenica. Fuori e dentro i dormitori. Riportiamo qui, per vostra gioia e diletto, la sezione dress code:

FOR MEN

General Dress

  • Hair is to be neat and professional (not tangled or spiked); fauxhawks are not appropriate. It should be a natural color.
  • Sideburns should be no lower than the lower opening of the ear. Men are expected to remain clean-shaven.
  • Necklaces, earrings, bracelets and tattoos are not appropriate.
  • Abercrombie & Fitch and its subsidiary Hollister have shown an unusual degree of antagonism to biblical morality. Therefore, BJU asks its students not to patronize these stores, wear their clothing or display articles containing their names or logos.

Class & Non-Class on Campus

  • Collared shirt: dress shirt or polo shirt
  • Dress pants or Dockers-style pants
  • Walking shoes, loafers, boots and leather deck-type shoes

Formal/Sunday

  • Coat, tie & dress shirt
  • Dress shoes
  • Dress pants

Casual Off Campus

  • Collared shirts
  • Casual pants or jeans

Recreation & Work

  • Jeans
  • T-shirts

FOR WOMEN

General Dress Code
Classroom/general dress consists of a dress or top and skirt; however, pants may be worn off campus and for some recreational activities on campus.

Tops

  • Tops must be long enough to cover the midriff.
  • Sleeves are required.
  • Necklines may come no lower than four fingers below the collarbone.

Skirts

  • Hemlines and slits or other openings should not be higher than the bottom of the knee.
  • Denim skirts may be worn for casual dress (not to class or other professional-type events).

Pants

  • Loose-fitting pants may be worn between residence halls, for athletic events, and off campus (where appropriate).
  • Jeans may be worn in and between women’s residence halls and when participating in activities, such as skiing and ice-skating.
  • Shorts are appropriate inside the residence halls. Shorts that come to the bottom of the knee may be worn when participating in athletics on campus.

Ease

  • Clothing should be modest. Clothing that is revealing either because of fabric, cut or tightness is unacceptable.
  • Clothing should be loose enough to conceal undergarment lines and not to draw attention to the figure.

Other

  • Hose are to be worn whenever men students are required to wear a coat and tie (including Sunday morning worship services, recitals and productions after 6 p.m., Bible Conference and commencement activities). Dress shoes are to be worn when wearing hose.
  • Hairstyles should be neat and feminine, and hair color should appear natural.
  • Earrings may be worn in the lower lobe of the ear (no more than 2 matching pairs). Other types of body piercing are not appropriate. Tattoos are not appropriate. Excessive makeup is not appropriate.
  • Abercrombie & Fitch and its subsidiary Hollister have shown an unusual degree of antagonism to biblical morality. Therefore, BJU asks its students not to patronize these stores, wear their clothing or display articles containing their names or logos.
This entry was posted in Politica&Società. Bookmark the permalink.

6 Responses to Espellere atleti per “sesso pre-matrimoniale” e altre assurdità dei college americani ultra-conservatori

  1. In Iran ieri hanno impalato un uomo… Non ho messo le foto per rispetto per lui. Giornalismo, web loggers..

  2. Giancarlo Mazzetti says:

    Eheheheh!

    • Giancarlo Mazzetti says:

      Vorrei sottolineare, se non fosse chiaro, che il mio “eheheheh” era riferito all’articolo, ed era una risata sulla notizia. Trovo l’articolo simpatico e la notizia divertente. Nulla a che vedere con il commento qui sopra di Paolo Merolla, che leggo solo ora e dal quale mi dissocio.

  3. Tim Small says:

    Ne ha parlato pure Amar’e Stoudemire sul suo twitter. Ecco un link: http://nbaoffseason.com/post/3643898506/sportsnetny-amare-stoudemire-takes-byu-to-task

    Poi va beh, la BYU è mormona, nel senso che è proprio di proprietà della chiesa mormona, quindi potranno e dovranno anche fare quel che gli pare a loro. Però noi possiamo e dobbiamo sfotterli.

    @Paolo Merolla: In Italia ieri un uomo ha ucciso il suo gatto sbattendogli la testa contro il muro perché suddetto gatto gli avevo spento la PlayStation con la zampa. Giornalismo, web loggers (sic)…

  4. Oibò. Qui a Studio vige ancora la libertà di scrivere (e vestirci) come ci pare.

    Però su una cosa Bob Jones trova il mio pieno accordo: quando una signora veste formale, le calze sono d’obbligo. Ma andatelo a spiegare alle mie ex compagne di college, che nel rigidissimo inverno di Filadelfia indossavano abiti da cocktail a gambe nude (nonché violacee). De gustibus…

    Anna Momigliano

  5. Giancarlo,
    no, le dissociazioni no! Fanno tanto Prima Repubblica.

    Scherzi a parte, grazie, fa sempre piacere che qualcuno apprezzi il lato comico di Studio (e più in generale della vita)

    AM

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s