Cose che succedono solo in Libia: quando Gheddafi junior dava lezioni di democrazia liberale

di Redazione

Mentre Gheddafi Senior usa l’aeronautica militare contro il suo stesso popolo, assolda mercenari giunti dall’Africa Sub-Sahariana e dopo tutto questo minaccia di “utilizzare le maniere forti,” Saif al-Islam, il figlio del colonnello che per anni i media occidentali avevano additato come l’unico sano di mente nella grande famiglia Gheddafi, che cosa fa? Si schiera dalla parte del padre, il sangue non è acqua. Però la faccenda ha dei risvolti che sarebbero quasi comici (se non fosse per il bagno di sangue), quando si va a ripescare quello che Gheddafi junior scriveva ai tempi dell’università. La redazione di Studio si è andata a ripescare la sua tesi di dottorato in filosofia, tutta all’insegna del liberalismo. Una chicca.

Gheddafi junior si è guadagnato il suo dottorato alla prestigiosa London School of Economics, con una tesi ispirata a Hume e Rawls, grande teorico del liberalismo politico statunitense. Si parla di “individui liberi” e di “democratizzazione delle istituzioni di global governance.” Accipicchia

Ecco qualche estratto:

“The thesis argues that there are strong motivations for free individuals to seek fair terms of cooperation within the necessary constraints of being members of a global society”.

E ancora:

“Drawing on the works of David Hume, John Rawls and Ned McClennen, it elaborates significant self-interested and moral motives that prompt individuals to seek cooperation on fair terms if they expect others to do so”.

Ma la vera chicca sta qui:

“I explain and adopt liberal individualism as the key moral philosophical underpinning of a global Collective Management framework in which citizens are free to pursue their own ends as long as they do not infringe on the rights of others to do the same”.

Andatelo a dire a quei cittadini che sono scesi in piazza per chiedere “il proprio diritto a perseguire i propri fini nella misura in cui non infrangono la libertà altrui di fare lo stesso.” E che si sono trovati mercenari e aviazione scatenati contro di loro.

Chapeau.

This entry was posted in Politica&Società. Bookmark the permalink.

12 Responses to Cose che succedono solo in Libia: quando Gheddafi junior dava lezioni di democrazia liberale

  1. Giancarlo Mazzetti says:

    Dovreste leggere la mia di tesi…

  2. Anche tu hai scritto su Rawls? Oppure anche tu sei coinvolto in repressioni sanguinarie? O entrambe le cose?

    Rimaniamo in attesa di delucidazioni, grazie.

    Anna Momigliano

  3. sono settimane ormai che guardo al jazeera e leggo blogs nel tentativo di capirci qualcosa. la situazione della libia poi è la più controversa dell’area. ci sarà altro sangue ma alla fine gheddafi dovrà arrendersi all’evidenza. credo che da tutta questa situazione debba essere rivalutato enormemente l’operato di obama e clinton. stanno cambiando i regimi del maghreb senza che l’occidente abbia versato 1 goccia di sangue. altro che desert storm e simili amenità. la nuova amministrazione si muove come ai tempi della guerra fredda. soft touch for big results..
    ps: grazie per aver postato pezzi di tesi del delfino di geddafi. very interesting!

  4. Tim Small says:

    io ho scritto la tesina su rawls davvero

  5. KIKKO says:

    ma sapevate che il figlio di gheddafi giocava nel perugia di gaucci? non so se è vero ma pare pure che abbia giocato una mezzora e poi sia stato positivo a troppa barella

  6. KIKKO says:

    non so se è lo stesso figlio …

  7. no .il genio squalificato per doping pur essendo panchinaro era un altro figlio. http://it.wikipedia.org/wiki/Al-Sa'adi_Gheddafi. un vero genio della comunicazione che ha investito in film western low budget e una fantomatica hong kong libica…

  8. KIKKO says:

    stiloso non c’è che dire

  9. Kikko, no, è decisamente un altro figlio. Saif era quello “sveglio di famiglia,” il calciatore uno dei tanti tontoloni.

    Ivanmaria, de nada, sono cose che divertono anche noi.

    Tim, complimenti, hai vinto un set di pentole

    Anna Momigliano

  10. Tim Small says:

    Se vi parlavo della resina su Rorty vincevo una coperta in lana merinos

  11. Tim Small says:

    non intendevo parlare della resina su rorty, ovviamente. intendevo la Tesina.

  12. Mi sto attrezzando per un materasso in lattice con copripiumino in omaggio a chi manda una testina su Ernst Bloch e antidepressivi.

    AM

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s