Unforgiven – Edward Furlong

Terzo appuntamento con la rubrica Unforgiven di Federico Bernocchi.

di Federico Bernocchi

Over The Top: Edward Walter Furlong nasce il 2 agosto del 1977 a Glendale, nello stato della California. Edward è un ragazzo come molti: particolarmente bello (ha origini messicane, russe e indiane) ma non particolarmente benestante, passe le sue giornate al Boys and Girls Club di Pasadena, un’associazione non-profit che ha la scopo di aiutare giovani adolescenti. Nel 1991, proprio da lì passerà per caso Mali Finn, responsabile del casting per Terminator 2: il Giorno del Giudizio e lo sceglie per interpretare il giovane John Connor. Di colpo, Edward da totale sconosciuto diventa una star, soprattutto in Giappone. L’anno successivo registra addirittura un disco dal titolo Hold on Tight, che nella terra del Sol Levante batte in termine di vendite addirittura I Will Always Love You di Whitney Houston. Giovane e ribelle invece di lasciarsi tentare da facili copioni, sceglie di prendere parte a film indipendenti. Prende parte, tra gli altri, a Little Odessa al fianco di Tim Roth e Vanessa Redgrave e a Prima e Dopo con Meryl Streep e Liam Neeson. Nel 1996 viene scelto come testimonial da Calvin Klein e nel 1999 lo ritroviamo con Edward Norton in American History X. Nel 2000 condivide lo schermo con Willem Dafoe nel bellissimo Animal Factory.

The Original Sin: In tutti questi anni, Edward ha largamente abusato di droghe e alcool. Dopo il cambio di secolo, le cose hanno cominciato a prendere una brutta piega. Continua ad entrare e uscire da cliniche di disintossicazione, ma soprattutto viene arrestato spessissimo per guida in stato di ebbrezza. Nel 2004, mentre è impegnato nelle riprese del film Jimmy and Judy, viene ancora una volta arrestato. Edward, durante una pausa, si ubriaca e finisce con alcuni suoi amici fuori da un drugstore. Dopo poco viene chiamata la polizia, la quale lo trovo totalmente sbronzo e intento a molestare alcune aragoste. Dopo una lunga serie di relazione particolarmente burrascose – di cui una anche con Paris Hilton – conosce l’attrice Rachel Bella, con la quale convolerà a nozze nel 2006. In capo a meno di tre anni, dopo aver dato alla luce il piccolo Etahn Page, i due divorziano. Dopo qualche anno, la Bella chiede e ottiene un’ordinanza restrittiva nei confronti del suo ex marito. Ordinanza che viene puntualmente violata nel novembre del 2010. L’11 gennaio di quest’anno, Furlong si è presentato di fronte a un giudice che ne ha ordinato l’arresto, fissando la cauzione a 75,000 dollari.

I Want A Range Life: Se anche inizialmente le scelte artistiche di Furlong non sono mai state particolarmente oculate (il suo secondo film, dopo il fulminante esordio, è stato il fallimentare horror Pet Semetary 2), dal 2000 in avanti non ne ha semplicemente beccata più una. Ormai relegato nel più oscuro home video, nel 2005 decide che è cosa buona e giusta prendere parte al quarto capitolo cinematografico dedicato alla saga de Il Corvo, The Crow: Wicked Prayer. Evidentemente gonfio, con il cerone bianco in viso e costretto in una tutina nera, Furlong mette sincero imbarazzo. La critica lo demolisce, ma lui continua imperterrito a recitare. Nel 2009 viene scelto da quello che è unanimemente considerato come il peggior regista vivente – il famigerato Uwe Boll – per due film: Stoic & Darfur. Pellicole che, a onor del vero, anche se ignorate dalla critica, non sono per nulla male e che soprattutto, ci consegnano un Furlong incredibilmente in parte. Ormai distante dall’immagine del teen idol, questo trentenne con la faccia segnata indelebilmente dagli stravizi, ha forse ritrovato una seconda chance. Tra poco lo vedremo nel film di Michael Gondry The Green Hornet.

This entry was posted in Cinema&TV and tagged . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s