Siamo maiali e pure sfacciati. Newsweek (in un certo senso e retorica a parte) ha ragione

Che scarpe dozzinali, sfacciate. Per rappresentare in copertina il vizietto del nostro Presidente del Consiglio, Newsweek ha scelto un modello sciatto: tacchi né troppo alti né troppo bassi, né a spillo né tozzi o “all’americana”. Delle scarpe che ci prendono a calci (in faccia e nello stomaco) con una tanto prepotente quanto inguardabile punta che regala al piede femminile quei dieci centimetri di inutile lunghezza in più. E che, comunque, sembra eccitare il maschio italiano.

Bingo. Newsweek, volontariamente o meno, ha centrato in pieno la questione, lo Zeitgeist tricolore. La cover story del numero del 22 novembre parla infatti del “Berlusconi’s Girl Problem” (la sua passione smodata per il sesso viene inquadrata come “harem culture”) e dello stato delle donne in Italia, tra mercificazione del corpo e difficoltà nel far carriera e tutto il resto che possiamo immaginare, a partire del fenomeno Striscia la Notizia e “veline wanna be”.

Siamo maiali e pure senza gusto. Scherzi a parte (ancora la tv berlusconiana che si fa spazio a gomitate) e il discorso nannimorettiano “ogni scarpa una camminata, ogni camminata una diversa concezione del mondo…”, e le personalissime preferenze in fatto di calzature, siamo maiali non perché sbaviamo dietro alle discendenti di Tinì Cansino, ma perché apparteniamo – ahinoi – a quella serie di paesi europei ad alto, altissimo rischio finanziario catalogati appunto come Piigs: Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia e Spagna.

Maiali senza buon gusto e, cosa ancora più importante, senza un minimo di buon senso. Al posto di fare qualcosa di concreto per risanare le casse dello Stato e rilanciare l’economia morente di questo Paese, Berlusconi, i suoi discepoli, l’opposizione e i media di destra e di sinistra perdono tempo dietro alle varie Noemi, Ruby Rubacuori (e nel perdere tempo sono naturalmente incluse le telefonate in Questura fatte dal Premier), Regina Profeta, le Brendone e compagnia più o meno bella…

Non è un caso che, prevista la fine (definitiva?) del Governo Berlusconi, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano stia spingendo affinché la crisi si apra solo dopo l’approvazione della Finanziaria. Meglio mettere al sicuro, per così dire, la presunta affidabilità delle casse statali e poi ributtarsi in mare, in balìa delle onde, e chi vivrà vedrà.

Poco ma sicuro, Berlusconi e gli altri – sfacciati – decideranno invece di ributtarsi in pista da ballo e, altrettanto probabile, sul lettone di Putin. Con o senza scarpe.

(Michele Bisceglia)

This entry was posted in Politica&Società. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s